Monthly Archives: settembre 2016

La febbre d’antan delle notti texane di periferia

Stavamo girando un po’ a caso in cerca di un perchè in una afosa notte texana.
D’improvviso, in mezzo al deserto di cemento, una visione.
Gente, bandiere, colori.
Automobili. Quelle che sembrano essere uscite da una puntata di Happy Days.
Sembrava un miraggio e invece era una delle (frequenti, ma l’ho scoperto dopo) riunioni del club locale di auto storiche.
I punti di ritrovo sono i parcheggi e gli incontri di per sè non hanno un programma specifico se non l’idea del tutto generale di tirare fuori la macchina (d’epoca) dal garage, riempirla di birra, carne e amici e finire la serata grigliando a più non posso sopra il cemento di un parcheggio anonimo di periferia circondati da marmitte, motori e zanzare. Visitatori e curiosi sono benvenuti.

In questo primo approccio con gli incontri notturni nei parcheggi texani ho imparato a non sottovalutare il potere educativo di asfalto e lamiere. Di come cioè Cadillac, Mustang, Ford o altre case automobilistiche note giusto ai più appassionti possano comunque raccontare gli aspetti essenziali di questa Nazione con la stessa profondità di un manuale di sociologia.

La grandezza. L’arroganza. La potenza. Solo per fare alcuni esempi. Ma anche una insospettabile, genuina passione per le cose, come testimoniato dalla presenza di una Iso Rivolta.
Dovevo venire in Texas per conoscere l’esistenza (e l’avventura) della casa automobilistica di Bresso. Una storia affascinante come una favola d’altri tempi che mi ha raccontato un simpaticissimo ed emozionato signore texano, felice finalmente di scoprire dalle corde vocali di italiani in carne ed ossa le pronunce corrette di parole come “carrozzeria”, “portiera” e “Giulia” (non per il mio nome ma per l’Alfa Giulia). E nell’infinita semplicità di queste parole, che però per il mio interlocutore erano come formule magiche pronte ad aprire il mondo dorato delle sue fantasie automobilistiche, ancora una volta ho capito che ognuno di noi in fondo è sempre il Texas di qualcun altro.

Ecco la gallery della serata. Cliccate per ingrandire.