Monthly Archives: maggio 2015

Houston Chronicles #50

image (34)Per festeggiare degnamente questo Chronicles Numero 50 ho pensato ad un viaggio degno di questo nome. Il percorso è stato breve ma l’effetto garantito: The Life Way, la christian shop più fornita del vicinato. Che cos’è una Christian shop? Io che, a riguardo, di esperienza ne ho da vendere potrei descrivervela come un misto tra le Librerie delle Edizioni Paoline, Telechiara, Toys’r’Us e un supermercato.
La premessa importante è che dentro questa mega bottega c’è tutto quello che dovrebbe esserci in compendio alla fede: Bibbie (di tutti i generi e di tutte le confessioni), libri didattici, vestiti, giochi, insomma, il corretto contenuto di un negozio per fedeli. E fin qui non c’è nulla di nuovo.image (30)
A fare davvero la differenza è l’anima americana che trasforma un’offerta commerciale onesta anche se di nicchia in una gita alternativa.

Appena si entra c’è l’oggettistica della fede: angeli e angioletti a volontà, statuine, portafoto, ma anche collane, specchi, orecchini, chincaglieria varia. Si prosegue poi con il reparto giochi, tra cui spiccano due interi scaffali di Quiz biblici contro i quali non ho assolutamente nulla ma, come si dice dalle mie parti, “anche meno”.image (32)

Irresistibile il reparto tecnico per addetti ai lavori con il set portabile per infondere la comunione urbi et orbi o, per i più sedentari, le mono-porzioni da comunione con vinello e ostia racchiusi un una capsula da caffè Nespresso. image (33)Infine una piccola delusione: ho scoperto solo recentemente che il vino per la comunione negli States (nota terra proibizionista) non è molto trendy. Molto meglio, molto più “morale” usare del succo d’uva, venduto ovviamente a litri e damigiane sempre nel nostro nuovo negozio preferito, Life Way.